Open Day, per conoscere le scuole superiori mugellane e fiorentine

Giovedì 14 dicembre  2017 a Villa Pecori Giraldi, in piazzale Lavacchini a Borgo San Lorenzo si terrà l’Open Day delle Scuole Secondarie II grado del territorio e di Firenze. La presentazione, che si terrà dalle 16.30 alle 18.30, consentirà ai ragazzi e alle loro famiglie di prendere contatto con numerosi istituti superiori, per orientarsi nella scelta che presto dovrà essere fatta.

Le scuole partecipanti sono:

GIOTTO ULIVI” – BORGO S. LORENZO

CHINO CHINI” – BORGO S.LORENZO

BALDUCCI” – PONTASSIEVE

SALVEMINI – DUCA D’AOSTA” – FIRENZE

I.I.S. “LEONARDO DA VINCI” – FIRENZE

LICEO “DANTE” CLASSICO E SEZIONE MUSICALE – FIRENZE

LICEO CLASSICO “GALILEO” – FIRENZE

LICEO SCIENTIFICO “CASTELNUOVO” – FIRENZE

I.I.S. “CELLINI” – FIRENZE

LICEO ARTISTICO PORTA ROMANA

LICEO ARTISTICO “ALBERTI” – FIRENZE

I.I.S. “PEANO” – FIRENZE

I.I.S. “CALAMANDREI – SESTO FIORENTINO

DANTE ALIGHIERI” Parificata 

Ovviamente l’ingresso è libero.

Giovani in Mugello, ecco i risultati del questionario

Essere giovani in Mugello oggi: il questionario promosso dai comuni della zona  per conoscere meglio bisogni, atteggiamenti e aspettative di ragazzi e ragazze mugellani è arrivato a conclusione e ora ci sono i risultati.

Articolato in cinque sezioni, con oltre sessanta domande era indirizzato a tutti i giovani mugellani, con una somministrazione non a campione, ma diffusa. E’ stato così proposto nelle terze classi della scuola media, e in tutte le classi delle due scuole superiori borghigiane; avvalendosi anche delle biblioteche comunali per ottenere le risposte dai giovani sopra i 18 anni.

Qui una sintesi dei risultati:

UNA PRIMA LETTURA DEL QUESTIONARIO 2017

E qui i grafici delle risposte:

I GIOVANI IN MUGELLO – Questionario GRAFICI

In tutto sono arrivati oltre 1700 questionari compilati, una delle ricerche più estese degli ultimi anni a livello provinciale, e che mai era stata effettuata in Mugello.

Se vuoi commentare i risultati, clicca qui

 

Voucher per Dottorato di ricerca all'estero 2017-2018

Bando a favore di laureati under 35, residenti in Toscana. Importo massimo del Voucher 20 mila euro, finalizzato al rimborso, totale o parziale, delle spese di iscrizione e di soggiorno per la frequenza di corsi di dottorato, attivati nell’anno accademico 2017-18, presso Università estere. Domande online dal 29 settembre, fino al 21 novembre 2017.

Sostenere la partecipazione di laureati toscani a percorsi di alta formazione post laurea che si svolgono all’estero. E’ questo l’obiettivo del bando “Voucher alta formazione all’estero – Dottorati 2017-2018”  della Regione Toscana approvato con decreto dirigenziale n. 11147 del 21 luglio 2017.  Il bando, rivolto a laureati con non più di 35 anni residenti in Toscana, ammessi al dottorato di ricerca presso qualificate Università estere, rientra nel progetto regionale Giovanisì ed è cofinanziato dal Programma operativo regionale (Por) del Fse 2014-2020, in particolare dalle risorse stanziate per l’atttuazione della linea “Interventi per l’internazionalizzazione, lo sviluppo di competenze e di percorsi di ricerca previsti” dell’asse C  “Istruzione e formazione” del programma.
La Regione ha stabilito gli Elementi essenziali del bando per l’assegnazone dei voucher per master all’estero 2017-2018 (ed anche per i dottorati all’estero) con delibera di Giunta n. 675 del 26 giugno 2017 integrata successivamente dalla delibera n. 723 del 10 luglio 2017.

Con lo stesso decreto 11147/2017, la Regione ha approvato e pubblicato anche il bando per Master all’estero 2017-2018.

Finalità. Il bando ha lo scopo di assegnare un contributo pubblico a giovani laureati con non più di 35 anni residenti in Toscana che vogliano conseguire un Dottorato di ricerca presso prestigiose Università estere. Il contributo (voucher) è erogato a titolo di rimborso totale o parziale delle spese di iscrizione e  delle spese accessorie di soggiorno. Il percorso di dottorato deve essere finalizzato ad accrescere le competenze professionali del laureato e a migliorare le sue opportunità per un inserimento qualificato nel mercato del lavoro.

Destinatari. Possono presentare domanda di voucher persone fisiche in possesso dei seguenti requisiti:
a) età sino a 35 anni (34 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda;
b) possesso alla data di presentazione della domanda del seguente titolo: laurea, laurea specialistica / magistrale, laurea vecchio ordinamento;
c) residenza  in Toscana alla data del 30 giugno 2017;
d) avere un ISEE in corso di validità non superiore a 100.000 euro;
e) aver ottenuto alla data di presentazione della domanda l’ammissione incondizionata al dottorato prescelto ed essere in possesso di idonea lettera di ammissione dell’Università

  • Non sono ammesse le domande di coloro che hanno già beneficiato del voucher regionale alta formazione all’estero di cui aibandi precedenti, ossia per  master / dottorati 2015-2016 (decreto 6307/2015) e per master / dottorati 2016-2017(decreto 7393/2016). Consulta i bandi precedenti a fondo articolo in “Risorse correlate”.

Scadenza e presentazione della domanda. Le domande devono essere compilate, e presentate al settore “Diritto allo Studio e Sostegno alla ricerca” della Regione Toscana, solo online, dal 29 settembre fino, e non oltre, il 21 novembre 2017 (pena l’esclusione dalla partecipazione al bando). accedendo al formulario attivo su piattaforma web dal 29 settembre, giorno di apertura del bando.  Il link di accesso diretto al formulario online sarà pubblicato su questa pagina il 29 settembre 2017.
E’ richiesto il pagamento di una marca da bollo di 16 euro.
Per la compilazione e presentazione della domanda online è indispensabile usare la propria Carta sanitaria / Carta nazionale dei servizi (CNS) abilitata ed un lettore smart card in cui inserire la CNS stessa.  Il richiedente può utilizzare la propria Carta sanitaria elettronica abilitata (poichè essa è anche una CNS) o un certificato digitale rilasciato da una Certification Authority riconosciuta.

Documentazione da allegare: una volta eseguita la compilazione online del formulario, occorre allegare (in formato zip), sempre dalla piattaforma web,  i seguenti documenti compilati, firmati dal richiedente e scannerizzati (vedi articolo 6 del bando):

Importo del voucher. L’importo massimo del voucher che può essere richiesto è 20 mila euro
Nell’ambito di questo importo massimo, il voucher rimborsa, parzialmente o totalmente:
1. le spese di iscrizione per la frequenza al corso da documentare a costi reali;
2. le spese per la fideiussione (se richiesto acconto) da documentare a costi reali;
3. le spese accessorie di viaggio e soggiorno calcolate forfetariamente (vedi  Modalità di calcolo delle spese accessorie  (allegato G del decreto 11147 del 21 luglio 2017).

Per conoscere tutti i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda consultare integralmente il bando(allegato 2 del decreto 11147 del 21 luglio 2017) e tutti i suoi allegati, tranne allegato 1 poiché riferito al bando per voucher per Master all’estero:

Allegati  da A a E: vedi sopra in “Scadenza e presentazione domanda” > Documentazione da allegare

Allegati tecnici del bando da F1 a H:

  • Classifiche  World Ranking University  anno accademico 2017-2018:

Arts and Humanities (allegato F1 .pdf) – Engineering and Technologies  (allegato F2 .pdf) –  Life Sciences and Medicine (allegato F3 .pdf) – Physics and Astronomy (allegato F4 .pdf),  Social Sciences & Management (allegato F5 .pdf)

Per saperne di più

  • scrivere a altaformazioneuniversitaria@regione.toscana.it
    Il settore “Diritto allo studio universitario  – Dsu e Sostegno alla ricerca” della Regione Toscana garantisce risposta, sui contenuti del bando, a tutte le e-mail pervenute entro il 16 novembre 2017.
    Per le e-mail inviate successivamente al 16 novembre, il settore farà il possibile per rispondere in tempo utile.
  • Informazioni sul bando possono essere richieste anche all’Ufficio Giovanisì
    info@giovanisi.it – numero verde 800 098 719
  • per problemi tecnico-informatici durante la procedura di presentazione online contattare il numero verde: 800199727
Regione Toscana

Vivere da Sportivi: a scuola di fair play 2017, un concorso per gli studenti delle superiori

Video contest riservato agli studenti delle scuole secondarie di II grado per l’ideazione e la produzione di elaborati multimediali, video originali e spot

Nell’ambito del progetto Vivere da sportivi, è indetto il concorso nazionale Vivere da sportivi: a scuola di fair play, riservato agli studenti delle scuole superiori, per l’ideazione e la produzione di elaborati multimediali, video originali e spot, ad uso televisivo e per la diffusione via internet. Il progetto ed il concorso hanno per obiettivo la sensibilizzazione dei giovani e conseguentemente delle famiglie e dell’opinione pubblica, per condividere i valori dello sport e viverlo, sia da spettatori che da protagonisti, con senso di responsabilità e divertimento, sano agonismo e rispetto degli avversari, con quello spirito di lealtà così importante nello sport come nella vita.

A chi si rivolge
Possono partecipare studenti e docenti delle scuole secondarie di II grado statali e paritarie. Il concorso prevede, per tutte le sezioni, la partecipazione di gruppi costituiti da massimo 10 studenti, appartenenti ad una o più classi dello stesso istituto scolastico, coordinati da uno o più insegnanti. Non è prevista la partecipazione di singoli, né di gruppi costituiti da soli studenti.

Tipologia di opere ammesse
Possono partecipare al concorso opere video che rientrino in una delle seguenti categorie:

  • Video (documentario/inchiesta televisiva, fiction/docufiction): durata da 2 a 5 minuti (esclusi titoli di coda)
  • Spot: da 15 a 60 secondi (esclusi titoli di coda)
  • Backstage degli spot: massimo 3 minuti (inclusi i titoli)
  • Video lettera: massimo 2 minuti (esclusi titoli)

Gli studenti dovranno produrre spot, documentari, fiction, inchieste televisive sui temi del concorso:

  • Lotta al bullismo ed al cyber-bullismo attraverso lo sport
  • Lo sport palestra di vita
  • Lo sport per l’ambiente

Premi
Un’unica grande manifestazione a Roma ospiterà gli studenti ed i docenti finalisti del concorso. Il soggiorno premio gratuito avrà durata di almeno 3 giorni, in trattamento di pensione completa, presso adeguate strutture ricettive. Il programma della manifestazione prevede attività turistiche, di studio e di incontri (escursioni e visite guidate, incontri a tema su argomenti inerenti l’etica nello sport con l’intervento di sportivi ed atleti medagliati) e la rassegna Video festival di Vivere da sportivi 2016/2017, nel cui ambito saranno presentati gli elaborati multimediali finalisti in gara, nelle specifiche sezioni di concorso, per la designazione dei vincitori assoluti.

Modalità di partecipazione
Per partecipare si consiglia di inviare la preiscrizione compilando l’apposita scheda online fino al 31 maggio 2017. Gli elaborati dovranno essere presentati entro il 16 giugno 2017.

Il bando completo è consultabile su Viveredasportivi.it.

Le informazioni sulle iniziative di "Giovanisì" ora si ricevono anche ai Centri per l'impiego

Tutte le azioni del progetto Giovanisì adesso, dal 18 aprile, vengono illustrate anche all’interno dei Centri per l’impiego della Regione Toscana.

Giovanisì è il progetto lanciato sei anni fa dalla Regione Toscana per l’autonomia dei giovani – un mix tra messa a sistema di azioni che già esistevano, altre nuove e una buona comunicazione, tutto riunito sotto un unico brand – e in questo modo la diffusione delle misure messa a punto sarà più capillare.

I destinatari sono gli under 40, che potranno recarsi al Centro per l’impiego più vicino e durante il primo colloquio informativo ricevere informazioni non solo sulle misure che possono facilitare l’accesso al mondo del lavoro ma anche su altre azioni, dal sostegno sugli affitti della casa per chi ancora vive con i genitori al servizio civile, dalle garanzie per ottenere più facilmente in banca un prestito e metter su una propria attività ai voucher per i co-working, spazio condiviso dove organizzare il proprio studio, senza dimenticare borse di studio, esperienze di mobilità all’estero ed altri strumenti utili per un percorso personale di crescita.

Cyberbullismo: tre giornate di incontri, spettacoli, riflessioni a Barberino di Mugello e Vicchio

Dall’8 al 10 marzo a Vicchio e a Barberino di Mugello si ragiona di cyberbullismo. Con incontri e spettacoli. Perché è giusto riflettere sull’uso della rete, dei social, dei nuovi strumenti di comunicazione. Strumenti indispensabili, ma anche da usare bene.

Così Catalyst Teatro Comunale Corsini di Barberino, in collaborazione con gli assessorati alle politiche giovanili dei Comuni di Barberino di Mugello e di Vicchio, e dei due istituti comprensivi, oltre che della Consulta dei Genitori di Barberino propone tre giorni a tema.

Si inizierà l’8 marzo al’IIstituto Comprensivo di Vicchio con incontri e laboratori con gli studenti delle classi seconde e terze della scuola secondaria. Lo stesso, il giorno dopo, accadrà all’Istituto Comprensivo di Barberino di Mugello.

Sempre il 9, al Teatro Giotto di Vicchio si terrà lo spettacolo teatrale “Nella Rete”, seguito dall’incontro con la compagnia teatrale.

“Nella rete” è uno spettacolo particolare, curato dal Teatro del Buratto e dedicato al mondo dei giovani, adolescenti e preadolescenti. Affronta il tema del’utilizzo e dell’abuso della rete e degli strumenti che la tecnologia mette a disposizione. Un argomento che anche recenti fatti di cronaca hanno reso tristemente attuale.

Lo spettacolo racconta in modo parallelo e sincrono le storie di tre adolescenti che frequentano il liceo.

Tre personalità diverse, tre modi di vivere la stessa esperienza. La rete è il loro mondo, il loro modo di camminare nella realtà; nella rete si muovono sicuri, si sentono, a loro agio: sono “il cacciatore” non certo “cappuccetto rosso”. Nascosti davanti a uno schermo si aprono, si confidano si sentono illusoriamente intoccabili … Nella rete si incrociano tre storie, segnate da cyberbullismo, sexting, e uso sregolato della rete, di social network, internet o giochi. I ragazzi si muovono tra una realtà reale e una realtà virtuale … una realtà dove loro “mentono” si creano diversi o più veri, e incontrano altri che “mentono”. Chi sono? Chi incontrano? Giulio è un ragazzo timido, a scuola viene spesso preso in giro, ma quando arriva a casa e entra nella rete si trasforma, si inventa mille identità e da vittima diventa carnefice. Francesca è carina, ha un ragazzo, e pensa di gratificarlo mandandogli delle sue foto, foto intime … ma quando per una serie di vicissitudini le foto finiscono in rete anche lei si sente finita. E poi c’è Elena che nella rete si perde per intere notti, si protegge nell’anonimato, conosce e vede quello che accade agli altri. Si incontrano tutti i giorni, nella stessa scuola e spesso in rete, anche se non si riconoscono.

Il 10 marzo lo spettacolo sarà a Barberino, al teatro “Corsini. La mattina riservato alle scuole. Poi alle 19 nel Foyer del teatro Corsini verranno presentati i laboratori svolti seguiti da un aperitivo.

E alle 20.30 inizierà lo spettacolo “Nella Rete”, aperta al pubblico e in particolare alle famiglie. E dopo lo spettacolo si terrà un incontro al quale parteciperanno il Gruppo politiche giovanili del Comune di Barberino di Mugello, Carlotta Tai assessore alle politiche giovanili e diritto allo studio, gli insegnanti Francesca Poggi e Marco Toccafondi, dell’Istituto Comprensivo di Barberino di Mugello, Renata Coluccini, regista e autrice dello spettacolo, Eloisa Mingione, psicologa del centro di ascolto delle scuole, rappresentanti delle Consulte dei genitori del Mugello.

 

Legge di Bilancio 2017, novità per gli studenti: contributi, detrazioni, borse di studio

È entrato in vigore il 1 gennaio 2017 il Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2017 e bilancio pluriennale per il triennio 2017-2019 (cosiddetta Legge di Bilancio – ex Legge di Stabilità). Nel testo, che detta le linee guide della prossima manovra finanziaria, anche molte novità che riguardano direttamente i giovani che studiano, sia alle superiori, sia all’università.

Partendo dalla scuola è prevista la detrazione Irpef del 19% per le spese di frequenza scolastica: l’importo massimo per studente è fissato in 564 euro per il 2016, 717 euro per il 2017, 786 euro per il 2018 e 800 euro dal 2019. Entro il 30 aprile di ogni anno, inoltre, la Fondazione Articolo 34, bandirà almeno 400 borse di studio nazionali, ciascuna del valore di 15mila euro annuali, destinate a studenti capaci, meritevoli e con Isee inferiore o uguale a 20mila euro.

Per quanto riguarda gli universitari, invece, la Legge istituisce una cosiddetta “no tax area” per studenti appartenenti a nucleo familiare con Isee fino a 13 mila euro fino al primo anno fuori corso.
È inoltre previsto l’esonero da tasse e contributi universitari per studenti di corsi di dottorato di ricerca non beneficiari di borsa di studio.
Benefici anche per chi studia musica: è previsto infatti un contributo una tantum del 65% del prezzo fino ad un massimo di 2500 euro per acquisto di strumento musicale nuovo.

Anche per gli studenti il cui nucleo familiare ha un reddito Isee superiore a 13 mila euro sono previste misure di sostegno: se l’Isee non supera i 30 mila euro lo studente riceverà un taglio delle tasse con un contributo annuale che, però, non potrà superare del 7% la quota Isee eccedente i 13 mila euro. I benefici valgono soltanto per le università statali e per le istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica. Le Università private, quindi, non potranno rientrare in tale beneficio così come quelle telematiche.

Nuovo anno scolastico, prepariamoci alle iscrizioni per il 2017-2018

A partire dalle 8.00 del 16 gennaio 2017 al via le iscrizioni per l’anno scolastico 2017/18. Ci sarà poi un mese di tempo, fino alle ore 20.00 del 6 febbraio, per scegliere la scuola più adatta. Questi i termini individuati dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) per il prossimo anno scolastico. Già a partire dalle 9.00 del 9 gennaio si potrà accedere alla fase di registrazione su Istruzione.it/iscrizionionline. Chi ha un’identità digitale SPID(Sistema Pubblico di Identità Digitale) potrà accedere con le credenziali del gestore che ha rilasciato l’identità.

Le iscrizioni online riguardano anche i corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale regionali.

Gli strumenti per la scelta
Per effettuare l’iscrizione online va innanzitutto individuata la scuola di interesse. Strumento utile in questo senso è il portale Scuola in Chiaro che raccoglie i profili di tutte le scuole italiane e visualizza informazioni che vanno dall’organizzazione del curricolo, all’organizzazione oraria, agli esiti degli studenti e ai risultati a distanza (Università e mondo del lavoro).

Secondaria di I grado
All’atto dell’iscrizione online, i genitori esprimono le proprie opzioni rispetto alle possibili articolazioni dell’orario settimanale che può essere di 30 oppure 36 ore elevabili fino a 40 (tempo prolungato), in presenza di servizi e strutture idonee. In subordine alla scuola che costituisce la prima scelta, è possibile indicare fino a un massimo di altre due scuole di proprio gradimento.

Secondaria II grado
Nella domanda di iscrizione online alla prima classe di una scuola secondaria di secondo grado statale i genitori esprimono anche la scelta dell’indirizzo di studio. Oltre alla scuola di prima scelta è possibile indicare, in subordine, fino a un massimo di altre due scuole di proprio gradimento.

La circolare ministeriale 10 del 15 novembre 2016 contiene informazioni dettagliate anche sulle iscrizioni di alunni con disabilità, con disturbi specifici di apprendimento e con cittadinanza non italiana. Con riferimento a questi ultimi, in particolare, si ricorda che anche per quelli sprovvisti di codice fiscale è consentito effettuare la domanda di iscrizione online. Una funzione di sistema, infatti, consente la creazione di un cosiddetto “codice provvisorio” che, appena possibile, l’istituzione scolastica sostituisce con il codice fiscale definitivo.

"Compagni di strada", per dare una mano ai ragazzi

Fare il tutor a un ragazzo, per aiutarlo nei compiti scolastici è una bella esperienza. Utile e gratificante. A Scarperia e San Piero e a Borgo San Lorenzo è possibile, con il progetto “Compagni di Strada”, promosso dall’Istituto Comprensivo di Scarperia-San Piero e dalla Scuola Secondaria di primo grado Giovanni della Casa di Borgo San Lorenzo insieme alle rispettive consulte dei genitori, in collaborazione con la Società della Salute Mugello.
“Compagni di Strada-Tutor cercasi” è un intervento di sostegno scolastico che prevede incontri settimanali per dare una mano a bambini e ragazzi con i compiti e nell’organizzazione dello studio e dell’attività scolastica. In pratica, si cercano tutor (ragazzi delle scuole superiori, genitori, nonni, insegnanti in pensione…) che intendano dedicare un po’ di tempo ad aiutare alunni della scuola primaria e secondaria di 1° grado contribuendo a migliorare il loro rendimento scolastico. Si tratta di almeno un incontro settimanale con un bambino o un ragazzo, direttamente a scuola.
Per rendersi disponibili bisogna semplicemente contattare le segreterie delle scuole. Successivamente il tutor sarà ricontattato dal referente del progetto e dagli insegnanti dell’alunno che gli sarà assegnato. Sono previsti incontri di formazione e iniziative, nonché il supporto dei referenti scolastici durante l’intera esperienza.
I tutor riceveranno una certificazione per il riconoscimento di crediti formativi se studenti del triennio della scuola superiore e un buono acquisto da poter spendere in una delle cartolibrerie della zona.
Per informazioni e proporsi come tutor:
Scuola secondaria di primo grado Giovanni della Casa Bsl, segreteria alunni: tel. 055 8459235, dellacasagiovanni@virgilio.it
Istituto comprensivo Scarperia-San Piero, segreteria: tel. 055 846050,fiic82900c@istruzione.it

consultagenitori.circolobsl@yahoo.it
consultagenitori@scuolascarperiasanpiero.gov.it
consultagenitorisanpiero@gmail.com

Leggi il manifesto: clicca per ingrandire

compagni-di-strada-2016a

Voucher per la formazione post-laurea all'estero. Scadenza, 2 novembre 2016

Sono stati pubblicati due bandi a favore di laureati con non più di 35 anni residenti in Toscana:

– il voucher per Dottorato di Ricerca, massimo 20.000 euro a titolo di rimborso, totale o parziale, delle spese di iscrizione e soggiorno per corsi triennali di dottorato, anno accademico 2016-2017, presso l’Università estera prescelta;

– il voucher per Master all’estero, massimo 14.000 euro per master annuali e 17.000 euro per master biennali, presso l’Università estera prescelta, a titolo di rimborso, totale o parziale, delle spese di iscrizione e soggiorno.

Le domande devono essere presentate online dal 26 settembre fino al 2 novembre 2016.

Per informazioni sul bando scrivere a altaformazioneuniversitaria@regione.toscana.it oppure a

info@giovanisi.it (numero verde 800 098 719).

 

 

Finalità. Il bando ha lo scopo di assegnare un contributo pubblico a giovani laureati con non più di 35 anni residenti in Toscana che vogliono fare un Dottorato di ricerca presso rinomate Università estere. Il contributo, sotto forma di voucher, è erogato a titolo di rimborso totale o parziale delle spese di iscrizione e di soggiorno. Il percorso di dottorato deve essere finalizzato ad accrescere le competenze professionali del laureato e a migliorare le sue opportunità per un inserimento qualificato nel mercato del lavoro.

Destinatari. Possono presentare domanda, ossia richiedere il voucher, persone fisiche in possesso dei seguenti requisiti:

a) età sino a 35 anni (34 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda;

b) possesso alla data di presentazione della domanda del seguente titolo: laurea, laurea specialistica / magistrale, laurea vecchio ordinamento;

c) residenza in Toscana alla data del 30 giugno 2016;

d) aver ottenuto alla data di presentazione della domanda l’ammissione incondizionata al dottorato prescelto ed essere in possesso di un’idonea lettera di accettazione dell’Università.

Non sono ammesse le domande di coloro che hanno già beneficiato del voucher regionale alta formazione all’estero di cui ai bandi precedenti

Domande online dal 26 settembre, fino al 2 novembre 2016 (pena l’esclusione dalla partecipazione al bando). accedendo al formulario attivo su piattaforma web dal 26 settembre, giorno di apertura del bando.

E’ richiesto il pagamento di una marca da bollo di 16 euro.

Per la compilazione e presentazione della domanda online è indispensabile usare la propria Carta nazionale dei servizi (CNS) abilitata ed un lettore smart card in cui inserire la CNS stessa. Il richiedente può utilizzare la propria Carta sanitaria elettronica (poichè essa è anche una CNS) o un certificato digitale rilasciato da una Certification Authority riconosciuta.

Una volta eseguita la compilazione online del formulario, occorre allegare (in formato zip), sempre dalla piattaforma web, i seguenti sette documenti compilati, firmati dal richiedente e scannerizzati (vedi articolo 6 del bando).

• Domanda di candidatura (allegato A del decreto 7393/2016) – file editabile .doc

• Sezione valutativa (allegato B) – file editabile .doc

• Piano finanziario – PED (allegato C) file editabile .doc

• Atto unilaterale di impegno (allegato D) file editabile .doc

• Modello fac simile Lettera accettazione / iscrizione al corso (allegato E) da compilare e sottoscrivere a cura dell’Università che ospita ed ammette il laureato al master, può essere prodotto anche in inglese. L’accettazione deve essere incondizionata (fatta salva l’eventuale condizione del successivo pagamento delle tasse di iscrizione). La lettera deve riportare tutte le informazioni contenute nel modello lettera accettazione / iscrizione e deve essere redatta su carta intestata dell’Università o, in alternativa, deve essere contenere su ogni pagina il timbro dell’Università ospitante.

Qualora il richiedente sia già iscritto viene prodotta, sulla base dello stesso modello, una lettera dell’Università con la quale si attesta l’avvenuta iscrizione (anziché l’ammissione / accettazione) al master.

• Bando / Programma del dottorato di ricerca scelto: deve riportare le informazioni essenziali sul corso, ossia l’ente che rilascia il titolo, i requisiti di accesso, gli obiettivi ed i contenuti didattici.

• Fotocopia leggibile del documento di identità in corso di validità del richiedente il voucher.

Importo del voucher. L’importo massimo del voucher che può essere richiesto è 14mila euro per master annuali e 17mila euro per master biennali.

Nell’ambito di questo importo massimo, il voucher rimborsa, parzialmente o totalmente:

1. le spese di iscrizione per la frequenza al corso da documentare a costi reali;

2. le spese per la fideiussione (se richiesto acconto) da documentare a costi reali;

3. le spese accessorie di viaggio e soggiorno calcolate forfettariamente (vedi Modalità di calcolo delle spese accessorie allegato G del decreto 7393/2016).

Per conoscere tutti i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda consultare integralmente il bando (allegato 1 del decreto 7393/2’06) e tutti i suoi allegati tranne l’allegato 2 poiché quest’ultimo si riferisce al sopra citato bando per voucher per Dottorato di ricerca all’estero.