posted by

A partire dalle 8.00 del 16 gennaio 2017 al via le iscrizioni per l’anno scolastico 2017/18. Ci sarà poi un mese di tempo, fino alle ore 20.00 del 6 febbraio, per scegliere la scuola più adatta. Questi i termini individuati dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) per il prossimo anno scolastico. Già a partire dalle 9.00 del 9 gennaio si potrà accedere alla fase di registrazione su Istruzione.it/iscrizionionline. Chi ha un’identità digitale SPID(Sistema Pubblico di Identità Digitale) potrà accedere con le credenziali del gestore che ha rilasciato l’identità.

Le iscrizioni online riguardano anche i corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale regionali.

Gli strumenti per la scelta
Per effettuare l’iscrizione online va innanzitutto individuata la scuola di interesse. Strumento utile in questo senso è il portale Scuola in Chiaro che raccoglie i profili di tutte le scuole italiane e visualizza informazioni che vanno dall’organizzazione del curricolo, all’organizzazione oraria, agli esiti degli studenti e ai risultati a distanza (Università e mondo del lavoro).

Secondaria di I grado
All’atto dell’iscrizione online, i genitori esprimono le proprie opzioni rispetto alle possibili articolazioni dell’orario settimanale che può essere di 30 oppure 36 ore elevabili fino a 40 (tempo prolungato), in presenza di servizi e strutture idonee. In subordine alla scuola che costituisce la prima scelta, è possibile indicare fino a un massimo di altre due scuole di proprio gradimento.

Secondaria II grado
Nella domanda di iscrizione online alla prima classe di una scuola secondaria di secondo grado statale i genitori esprimono anche la scelta dell’indirizzo di studio. Oltre alla scuola di prima scelta è possibile indicare, in subordine, fino a un massimo di altre due scuole di proprio gradimento.

La circolare ministeriale 10 del 15 novembre 2016 contiene informazioni dettagliate anche sulle iscrizioni di alunni con disabilità, con disturbi specifici di apprendimento e con cittadinanza non italiana. Con riferimento a questi ultimi, in particolare, si ricorda che anche per quelli sprovvisti di codice fiscale è consentito effettuare la domanda di iscrizione online. Una funzione di sistema, infatti, consente la creazione di un cosiddetto “codice provvisorio” che, appena possibile, l’istituzione scolastica sostituisce con il codice fiscale definitivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *